Massimo Caliman
Massimo Caliman
1 min read

Categories

  • Operating Systems

Tags

  • linux
  • debian
  • debian 8

Languages

  • Italian

Parte della disumanità del computer sta nel fatto che, una volta programmato e messo in funzione, si comporta in maniera perfettamente onesta. (Isaac Asimov, Il vento è cambiato, 1983)

Ultimamente sto tornando ad apprezzare la distribuzione debian. Non ho smesso di essere un fan di ubuntu che uso per ogni cosa sia per il mio portatile personale che per i server di lavoro. La motivazione iniziale è stata piuttosto casuale: cercavo una distribuzione che fosse adatta al mio HP Proliant ML110 G5. Il problema che si presentava con la Ubuntu 14.04 LTS desktop era imputabile alla scheda grafica integrata sulla scheda madre, una Matrox Graphics MGA G200 AGP. A quando pare di funzionare correttamente con la 14.04 desktop proprio non voleva saperne. Le performance di gnome erano devastanti.

Installata la debian 8 il problema non si è manifestato, ottime performance, ero abituato però ad usare il comando sudo e di default la debian non lo ha, ne installato, ne attivato per l’utente principale creato in fase di installazione. Ottenere ogni volta i permessi necessari diventando root era piuttosto fastidioso. Ecco quindi sotto le istruzioni per attivare sudo

Per prima cosa diventiamo root

su root

poi installiamo sudo

apt-get install sudo

a questo punto modificare il fils /etc/sudoers con il comando visudo aggiungendo

<username> ALL=(ALL) ALL 

nel mio caso

mcaliman ALL=(ALL) ALL 

dopo la riga #includedir /etc/sudoers.d. Ora potete utilizzare sudo come d’abitudine su ubuntu.