Massimo Caliman
Massimo Caliman
2 min read

Categories

  • java

Tags

  • Java

Languages

  • Italian

E’ possibile riscontrare due situazioni di interesse legate all’uso dei metodi la cui accurata gestione permette di migliorare l’efficienza del codice:

  • omonimia parametri dei metodi e delle variabili della classe in cui i metodo sono definiti
  • molteplicità dei costruttori della classe

La prima situazione deriva dal fatto che un tipico utilizzo dei metodi consiste nel fornire valori da assegnare alle variabili degli oggetti. In tal caso è evidente che i parametri del metodo e i dati membro della classe possiedono la stessa semantica e pertanto non è ragionevole identificare gli uni e gli altri con nomi diversi.

Il problema che ne segue è quello di poter discriminare fra entità diverse che sono individuate con lo stesso identificatore.

La seconda situazione nasce dalla funzione dei costruttori, il cui scopo è quello di fornire procedure diversificate di inizializzazione degli oggetti che possono dipendere da particolari esigenze applicative.

Tipicamente una classe mette a disposizione un costruttore con valori di default per le variabili degli oggetti e uno o più altri costruttori per inizializzazioni specifiche.

E’ ragionevole aspettarsi che la presenza dei molteplici costruttori, similari nelle loro funzionalità, comporti la duplicazione di parte del codice o tali metodi con conseguente spreco di memoria.

Al fine di fronteggiare le situazioni indicate, il linguaggio di programmazione Java mette a disposizione del programmatore la parola riservata this.

Si tratta di una parola chiave che può essere sfruttata sotto due interpretazioni distinte:

  • il riferimento ad un oggetto
  • riferimento ad un altro costruttore

Nella prima accezione, la parola this è sfruttata nella risoluzione di omonimie tra il parametro di un metodo e il nome di una variabile di istanza:

class T {
   float car;
   void m(float var){
       this.var=var;
   }
}

Ci forza il compilatore ad interpretare la specifica this.var come un riferimento alla variabile di istanza var dell’oggetto in cui il metodo m() è attivato. Pertanto, nel comando this.var=var, l’identificatore var a destra dell’operatore di assegnazione si riferisce al parametro del metodo, mentre la specifica this.var collocata a sinistra dello stesso operatore si riferisce all’attributo dell’oggetto.

La seconda accezione della parola this legata alla presenza di più costruttori. Al fine di ridurre il codice prodotto dal compilatore, i costruttori di una classe possono essere ripartiti in un costruttore primario e uno o più altri costruttori secondari. Mentre il costruttore primario è di per sè codificato, i costruttori secondari rimandano a quello primario riportandone i parametri di chiamata nella specifica this. La specifica di richiamo deve essere la prima istruzione che appare nel codice dei costruttori secondari.

class T {
   float var;
   public T(float var){
      this.var=var;
   }
   public T(){
      this(0.03);
   }
}